Archivi categoria: Diritti Civili

Sappiamo quanto sia difficile lavorare per una #buonasanità

di Fabio Argiolas

In questi mesi ho parlato troppo male di sanità e di problematiche. La Sardegna è una Regione con tantissime belle riforme, mai “messe a correre”. La Sanità prende la maggior parte del bilancio regionale. Si chieda all’ATS e alle ASSL del territorio, di programmare meglio e indire Concorsi Pubblici e attenersi allo sblocco del turn-over! La Sardegna ha bisogno di professionalità e di abbattimento delle liste di attesa.  (*) Continua a leggere

Annunci

12 settembre

Come dicevo, in questi giorni sarò impegnatissimo con lo studio, ma questa Pagina vedrà delle bellissime e importantissime modifiche! Saranno eliminati i posts che non mi interessano più (fuorvianti e pesanti di contenuti). Questa sarà una bella pagina dove appuntare i miei pensieri di vita quotidiana, di Politica (si, Politica con la P maiuscola), di Sanità, di Diritti Civili, di Sardegna!! Attendetevi delle novità interessanti

Di nuovo

Mi è mancato troppo scrivere, ma non ero dell’umore giusto. Non posso farne a meno, di scrivere. Quindi, da oggi, ritorno a scrivere e a condividere i miei ragionamenti, non solo su politica e sanità, ma anche di vita Sarda e di vita Universitaria

 

 

 

Sit-in in Piazza Deffenu

Il giorno 11 giugno 2018, dalle 20.00 sino alle 20.45, senza obbligo alcuno, senza forzature politiche e sindacali, sono stato al sit-in organizzato dall’Associazione “UniCa 2.0”, da Eureka – Rete degli Studenti Medi Cagliari e da altre Associazioni cittadine, per alzare la voce contro la scelta scellerata, disumana, razzista – fascista posta in essere da un “Ministro” dell’Interno (un noto “omuncolo” chiamato Matteo Salvini), in collaborazione con il “Ministro” delle Infrastrutture e Trasporti (un uomo noto chiamato Danilo Toninelli) che ha deciso, in contrasto con il Trattato di #Dublino, di non assistere, di dirottare la Nave di SOS MEDITERRANEE Italia [Medici Senza Frontiere#Aquarius”], con 629 persone (non carne da macello) nel territorio di #Malta.

Continua a leggere

Lavoro-Scuola nel nostro territorio

12 Aprile 2018 – Marco Mereu, Segr. Fiom provinciale – Cagliari – da DEMOCRAZIA OGGI (homepage)

E’ vero che esistono anche realtà industriali importanti, quali il petrolchimico di Sarroch, che sarebbero notevolmente formative per gli studenti. Questi, comunque dovrebbero stare in un contesto ambientale estremo e non mi riferisco solo alla salubrità dell’aria, ma anche alle temperature elevate presenti tra gli impianti, nei quali svolgono l’attività lavorativa i lavoratori delle aziende d’appalto metalmeccaniche. Ad esempio gli strumentisti di alcune di queste ditte svolgono la propria attività lavorativa tra la miriade di tubazioni dell’impianto e credo che avrebbero una responsabilità enorme a fare da tutor a studenti da formare sul campo. Una soluzione può essere offerta dalle officine site nel petrolchimico, nelle quali la formazione dei ragazzi andrebbe verso mansioni di saldatori, tornitori, tubisti, sempre ricercati dalle aziende del settore. Ho concentrato l’attenzione sull’area industriale di Sarroch, tralasciando quella di Macchiareddu, che tranne per due o tre aziende, le altre difficilmente sarebbero in grado di accogliere studenti in alternanza. Abbiamo anche aziende metalmeccaniche impegnate nei cantieri per la posa in opera della fibra ottica, nei quali stiamo assistendo ad una vera e propria carenza di professionalità come quelle dei saldatori di fibra. E’ anche vero che in tale attività l’urgenza è quella di formare e riqualificare i vecchi saldatori di rame e renderli capaci di saldare i cavi in fibra che hanno specifiche totalmente diverse. Continua a leggere

Sanità nel territorio. Ritorno al passato. E anche peggio

“Questa riforma porterà all’isolamento sanitario dei piccoli paesi, che in Sardegna sono la maggior parte, favorendone l’ulteriore spopolamento o comunque costringendo i cittadini a ridurre l’attenzione per la propria salute vista la difficoltà di accesso alle cure. Ci sarà un sovraccarico del 118 che già oggi opera in condizioni di enorme difficoltà e una presa d’assalto del Pronto Soccorso da parte di un’utenza che non avrà più riferimenti sul territorio, con conseguente incremento degli accessi e dei ricoveri impropri. Mi auguro che tutti i Sindaci, che nei rispettivi centri, rappresentano la massima autorità sanitaria, abbiano il coraggio di ribellarsi ad una riforma sanitaria scellerata e penalizzante, che metterà a rischio la vita delle persone, e abbiano la forza di difendere le comunità di cui sono rappresentanti. E mi auguro che i cittadini tutti, rendendosi conto della pericolosità di questa controriforma scendano in piazza per protestare e difendere un diritto fondamentale, il diritto alla salute, costituzionalmente sancito a prescindere dal censo di appartenenza”. Continua a leggere nell’articolo

Questo è ciò che penso sul Volontariato

“Non dimentichiamo mai che il vero potere è il servizio. Bisogna custodire la gente, aver cura di ogni persona, con amore, specialmente dei bambini, dei vecchi, di coloro che sono più fragili e che spesso sono nella periferia del nostro cuore” (Papa Francesco Papa Francesco I – Jorge Mario Bergoglio)

L’sos di un disabile a Cagliari: “Molta gente sfrutta la malattia dei parenti per avere i pass”

“Stefano” mi diceva “per noi diversamente abili è già dura convivere con la malattia, in più si pone il problema dei parcheggi occupati abusivamente, delle medicine da prenotare periodicamente e non sempre (anzi, quasi mai) disponibili, dagli alti costi da sostenere per le visite mediche ulteriori rispetto a quelle fornite da SSN. Ma sai cosa mi fa arrabbiare? La gente che sfrutta la malattia di un congiunto per ottenere pass che non spetterebbero loro, che usano i bonus per l’acquisto di veicoli fatti passare per utilizzo di disabile ma che in verità acquistano macchine normalissime…” continua “Sollecitare un più attento controllo delle spese è un dovere di tutti i cittadini che mirano ad ottenere dallo Stato quella giustizia che spesso le condizioni naturali negano alle persone. Impegniamoci per controllare che non vengano utilizzate scorciatoie che arricchiscono o avvantaggiano qualcuno, ma realizzano un grave danno economico e morale a chi da anni attende di vedere riconosciuti i diritti minimi ed essenziali per realizzare la propria vita senza pretese di grandezza, ma solo di giustizia”. Continua a leggere nell’articolo

Una giornata da non dimenticare

La mia vita, il Volontariato, sta ritornando a “implodere” grazie ad una mia Amica. L’AVIS Provinciale Cagliari – Gruppo Giovani, da quando ho avuto l’onore di conoscerlo, non posso “mollarlo”. La giornata, quando ci sono le raccolte sangue, è una esperienza da non farsi sfuggire. Convivialità e anche molta cultura sulle donazioni. Sono fiero di esserci stato ieri (visto che siamo già a Giovedì 5 aprile). Vi consiglio, davvero, di spendere del tempo per quest’Associazione! Buonanotte!!!

 

Mondo del Volontariato

Mondo del Volontariato: Iniziare #Aprile con un modo di vivere differente dal solito come quello di essere parte integrante del Mondo del #Volontariato? Cosa voglio di più! Lo so, da 13 anni ci “abito” in questo Mondo, che ci vuole molta passione, molto #altruismo che a molti (non generalizziamo) manca! https://t.co/H8y78JGEde