Accessibilità

L’sos di un disabile a Cagliari: “Molta gente sfrutta la malattia dei parenti per avere i pass”

Postato il Aggiornato il

“Stefano” mi diceva “per noi diversamente abili è già dura convivere con la malattia, in più si pone il problema dei parcheggi occupati abusivamente, delle medicine da prenotare periodicamente e non sempre (anzi, quasi mai) disponibili, dagli alti costi da sostenere per le visite mediche ulteriori rispetto a quelle fornite da SSN. Ma sai cosa mi fa arrabbiare? La gente che sfrutta la malattia di un congiunto per ottenere pass che non spetterebbero loro, che usano i bonus per l’acquisto di veicoli fatti passare per utilizzo di disabile ma che in verità acquistano macchine normalissime…” continua “Sollecitare un più attento controllo delle spese è un dovere di tutti i cittadini che mirano ad ottenere dallo Stato quella giustizia che spesso le condizioni naturali negano alle persone. Impegniamoci per controllare che non vengano utilizzate scorciatoie che arricchiscono o avvantaggiano qualcuno, ma realizzano un grave danno economico e morale a chi da anni attende di vedere riconosciuti i diritti minimi ed essenziali per realizzare la propria vita senza pretese di grandezza, ma solo di giustizia”. Continua a leggere nell’articolo

Annunci

Accessibilità e pensieri

Postato il Aggiornato il

In conclusione di giornata, ho deciso di riportare una frase, tratta da “Progettazione senza Barriere” di Piero Cosulich e Antonio Ornati

“Si può ormai affermare che il processo per l’eliminazione delle barriere architettoniche, o meglio di un nuovo modo di progettare per un nuovo modo di vivere, è ormai in atto per una serie di cause che stanno manifestandosi: l’informazione, la cultura, il rapporto umano, con il supporto della legge, stanno scoprendo i problemi dei disabili o meglio di tutti coloro che sono portatori di handicap, ma stanno anche scoprendo che i problemi relativi alle barriere  architettoniche non sono solo di pertinenza di tali categorie ma di tutti i componenti la società”

Giornate dell’Orientamento, vista da esterno

Postato il Aggiornato il

Ieri, 24 marzo 2017, presso l’Aula 1 dell’Asse Didattico 1 della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Cagliari, ho svolto un Seminario sul mio lavoro di monitoraggio sulle Barriere Architettoniche nel Dipartimento di Giurisprudenza, dove sono iscritto. Ringrazio vivamente il SIA Servizi per l’Inclusione e l’Apprendimento per avermi chiesto di presentare questo lavoro. Alla dott.ssa Silvia Vinci e alla prof.ssa Donatella Petretto per la pazienza che hanno e che avranno nel seguirmi, passo dopo passo, in questo importante lavoro. Eccovi il video della mia intervista

Cagliari vista dalla nuova Biblioteca di Ingegneria

Postato il Aggiornato il

Venerdì, come avete visto nei miei social, sono stato nella bellissima e nuovissima Biblioteca di Ingegneria in via Is Maglias. Sono fiero di essere uno studente dell’Università di Cagliari. Però, vi sono sempre i però. Io, se fossi Disabile e portatore di handicap motorio, non posso prendere parte alla vita universitaria. Nuovi stabili, vecchie abitudini. Siamo in presenza di una seria disorganizzazione e una precaria conoscenza della normativa accessibilità locali pubblici. In questi giorni, solo per curiosità, sarò in giro per i locali di Via Marengo 2 – ex Facoltà di Ingegneria. Quando è troppo è troppo. Dal 26 al 6 Maggio, cercherò di venire a studiare qui in Ingegneria e farò un book fotografico per auto infliggere sanzioni morali. Si legga il Decreto del Presidente della Repubblica 24 luglio 1996, n. 503.