Tutti gli articoli di Fabio Argiolas

I Pastori e la Sardegna (parte 1)
Dal 1 Luglio, come sardo e come giovane che ama la sua Isola, ho deciso di iniziare ad occuparmi di pastorizia. Mai, ripeto mai, mi sarei aspettato che dopo la manifestazione del 2 Agosto si potesse arrivare ad indire un’altra grande manifestazione per fine mese. Sono scandalizzato. I pastori hanno una dignità. Le leggi nazionali di settore, a mio modestissimo parere, non le ha lette nessuno dei burocrati. Nessuno si è interessato a verificare che tutta la burocratizzazione del sistema, fosse solo una montatura. Una questione di ripicca. Una gravissima presa di posizione di una classe dirigenziale scadente. Io, a nome di tutti i miei Compagni di lotta, chiedo a tutti i Sardi di scendere in piazza con noi e di solidarizzare con il Movimento Pastori Sardi. La politica ha dato risposte. La classe dei burocrati ha fatto altro. Si vergognino.

Annunci

C’è un limite a tutto. Riporto uno stralcio di commenti
C’è un limite a tutto. Riporto uno stralcio di commenti, su una tematica a me a cuore. MICROCITEMICO. E non continuo più. Ci sono, su Facebook, leoni da tastiera che sputano sentenze su cose che non sanno e che, per loro fortuna, non hanno mai provato. Ritegno?? Zero. Trascrivo i commenti più delicati. Eccovi il post originale

«Non puoi difendere la dignità degli altri se non difendi nemmeno la tua» – ROARS.it

Buonanotte a tutti. Buon inizio di Anno Accademico a tutti i miei colleghi. Ricordatevi che noi, classe studentesca, abbiamo necessità di vederci riconosciuti tutti i diritti della Costituzione Italiana, per quanto concerne il diritto allo studio. Dopo di che, vi invio questo post con un commento a questo comunicato del professore Giuseppe De Nicolao su Redazione Roars. Continua a leggere «Non puoi difendere la dignità degli altri se non difendi nemmeno la tua» – ROARS.it

SATANISMO 2017 – Cuglieri

Satanismo 2017? Ma ancora si profanano le ostie? Non penso che ci sia gente così frustrata, al giorno d’oggi. Condivido le parole del parroco di un paese dell’Oristanese. “Non posso escludere che dietro il fatto sacrilego che ha turbato la nostra comunità, possa nascondersi qualche fanatico che pratica dei riti satanici. Mi auguro di no, ma in passato nel seminario vennero ritrovate delle tracce riconducibili a simili episodi”.