RIUNIAMO(CI) LE FLOTTE.

“I pastori hanno più volte ricordato che necessitava tempestività e volontà di non aspettare ulteriore tempo. Le congetture dei soggetti suddetti fanno intuire che nel momento in cui si arriverà in aula, questi non faranno altro che cercare di invalidare quanto si è costruito.Dal momento che la pazienza e l’educazione dei pastori non va scambiata con mancanza di scaltrezza, il MPS decide di farsi sentire fin da subito! Aspettateci nei porti e negli aeroporti, ci vedrete presto! E, soprattutto, appuntamento di nuovo a Cagliari per la prima settimana di settembre”. Con questo bellissimo estratto del Comunicato Ufficiale del Movimento Pastori, al Lavoro e alla Lotta Uniti più che mai per il nostro bene e per il bene dei nostri figli e dei nostri nipoti.

Mercoledì 9 Agosto sono stato invitato a prendere parte alla (mia prima) riunione dei Comitati dei Pastori Sardi, a Tramatza (solito posto dell’Assemblea del 12 Luglio scorso, ma diversa sala), per discutere dei risultati e delle tantissime positività della Manifestazione di Mercoledì a Cagliari. Non do i numeri che si sono letti nei giornali e nei comunicati del Movimento. Il Movimento dei Pastori Sardi siamo tutti quelli che organizzano le lotte e le battaglie, ma anche chi organizza (come me nda) la questione “comunicati” e “tram tram” sui social. Accuse alla Giunta Regionale e al Consiglio Regionale ce ne sono state, ma vorrei porre l’attenzione su una data: 2 Agosto. Oggi che giorno è? 10 Agosto, San Lorenzo ci protegga. Dopo questa nota religiosa, torniamo a noi. 8000 tra pastori, sindaci, molti giovani e molta gente comune ha chiesto, mediante la delegazione di circa 12 persone, certezze alla classe politica sarda. 8 giorni sono molti. Ci sono state delle proposte di lotta che, giustamente, evito di accennare, poiché il comunicato stampa di oggi del MPS. Si è richiamato al ruolo dei Sindacati di categoria (della quale parlerò in un’altra occasione) e delle Cooperative degli Industriali (senza fare nomi, ne abbiamo una importante nel Gallurese).

La parola d’ordine è stata questa: Senza Felice Floris, il Movimento non ha senso di esistere. Ieri abbiamo fatto in modo che lui si sentisse a casa sua (come sempre da quasi 30 anni) anche se lo si accusava di cose non vere!! Un po tutti abbiamo delle colpe. Ci si fa un esame di coscienza ma sempre dignitosamente. Non si è, a mio parere, capito una cosa. Il lavoro che si è fatto, in questi mesi (prima dell’Assemblea del 1 Luglio, del 12 Luglio a Tramatza e della Manifestazione del 2 Agosto, a Cagliari) è quella che si deve rimanere uniti e molto duri nei confronti di questa classe politica che da più di 3 anni non ha avuto a cuore i Nostri problemi. Non solo quelli dei pastori, ma anche di molte categorie sociali. Sardigna no est solamenti mari, limba et traditziones, ma puru sa pastoritzia e su settori primariu. Arrivederci nei porti e negli aeroporti

Fabio Argiolas

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...