Giorno: 17/07/2017

Manuela e Riccardo. Storia di tentato femminicidio. Cagliari 14

Postato il Aggiornato il

CHI SIAMO NOI PER GIUDICARE. Ieri, nella zona dell’ex Stadio Sant’Elia, è avvenuta una tragedia. Un ragazzo ha provato a uccidere la sua fidanzata, dopo aver avuto delle discussioni animate, sentite in zona. L’ha picchiata e, pensando di averla uccisa (lei era riversa a terra in condizioni disperate ma, dall’Ospedale dove è ricoverata, dicono che è fuori pericolo), è salito nel cavalcavia nella zona del vecchio stadio e si è suicidato. E’ uno strazio per le due famiglie. Il ragazzo, oramai morto, per gli amici e i parenti è vivo ancora. Il tentato femminicidio avvenuto ieri, mi ha fatto pensare ad un altro femminicidio. Iglesias. Quello di una madre che ha perso la vita per mano del suo uxoricida. Chi siamo noi per giudicare, ho voluto intitolare il mio intervento, perché sto leggendo (anche se non sono connesso con lui, con Riccardo) tante brutte parole. E’ vittima due volte. La prima per la sua scelta. L’altra perché nel suo profilo ci sono “draghi di tastiera” che, non avendo altro da fare, commentano in forma gravissima, la sua persona e la sua dignità. Hanno scritto cose assurde che, se me le scrivessero a me, avrei un momento di sconforto e mi alzerei dalla bara e darei una lezione di vita a chi ama solo screditare. Lui, anche se ha commesso un atto crudele, è pur sempre una persona. E cosi sia. Dove erano le Istituzioni preposte quando Manuela era in difficoltà? Dove erano le Forze dell’Ordine, prima che succedesse ciò? Chiediamocelo. Dove eravamo noi, draghi di tastiere, quando Manuela era in difficoltà. Dove eravamo noi?

Annunci