Momento ragionamento – 11 Maggio 2017

In questi giorni di studio e di “relax” da lezioni, sto ritornando a pensare a come la vita da studente sia un’assurdità: ci si fida sempre di tantissima gente e, alla fine, ti trovi “incarcerato” psicologicamente.

A me, ciò che sto scrivendo, è accaduto seriamente con una mia ex Amica che mi usava solo per aiutarla e, quando mi serviva, lei si allontanava. Ho voluto allontanarmi da Lei, e dal suo assurdo carattere. Ora che ci penso, dovrei essere un miserabile. Lascio le persone nel momento del bisogno, perché geloso di loro e dei loro risultati e traguardi, mentre io sono un “fallito”. La vita da studente di Giurisprudenza non pensavo fosse così, si bella ma molto pericolosa (psicologicamente e caratterialmente parlando). La cosa bellissima di questa carriera universitaria è quella di avere conosciuto una collega molto bella, brillante che è, ad Ottobre, diventata Assistente di Cattedra (Cattedra ambita da tantissima gente). Con Lei, invece, è accaduto una cosa assurda e molto pericolosa: prima di laurearsi me ne ero innamorato come un bambino, ma poi ho voluto fare il codardo e il geloso e me ne sono allontanato. L’unica persona importante per la mia vita? L’ho lasciata andare senza nemmeno salutare. Che strana la gelosia, l’invidia e la cattiveria dei miei colleghi che andavano a dire in giro che io e lei ce l’ha intendevamo. Cattiverie che mi hanno fatto male.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...