Associazione Italiana Assistenza Spastici – Cagliari

AIAS CAGLIARI presa di posizione. Solidarietà a tutti i lavoratori in agitazione

Due anni fa (precisamente nel Gennaio/Febbraio 2014) mi ero interessato della questione AIAS Cagliari ma, passatemi un mio personale contributo, mai mi sarei aspettato tutto quello che sta accadendo in questi giorni.

VERTENZA AIAS: APPROVATO UN ORDINE DEL GIORNO. 

11/04/2017. Il Consiglio regionale, al termine della seduta  ha approvato un ordine del giorno presentato dalla maggioranza, primo firmatario Pietro Cocco sull’adozione di misure urgenti per risolvere i gravi problemi in cui versano i dipendenti dell’AIAS e della Fondazione Randazzo.  Un altro odg, presentato dalla minoranza, è stato bocciato. L’odg approvato impegna il presidente della Regione , la giunta e l’assessore alla sanità  a sollecitare l’AIAS ad effettuare la certificazione dei propri bilanci per accertare l’effettiva consistenza dei crediti vantati; a prevedere che nei contratti stipulati dall’ATS con gli erogatori privati vi siano esplicite clausole di salvaguardia delle retribuzioni dei lavoratori che, se disattese, potranno essere causa di revoca dell’accreditamento;  ad adottare un atto di indirizzo in base al quale il pagamento delle retribuzioni pregresse avvenga  ex articolo 1676 del codice civile e che il contenzioso, se possibile, venga risolto in via transattiva. L’odg impegna anche ad avviare una ricognizione degli operatori privati potenzialmente interessati a svolgere questi servizi sanitari e socio sanitari  in grado di superare il monopolio in atto.

CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA – XV LEGISLATURA

MOZIONE N. 297. COCCO Pietro – CONGIU – COCCO Daniele Secondo – ZANCHETTA – LEDDA – DERIU – DEMONTIS – COLLU – COMANDINI – COZZOLINO – FORMA – LOTTO – MANCA Gavino – MELONI – MORICONI – PINNA Rossella – PISCEDDA – RUGGERI – SABATINI – SOLINAS Antonio – TENDAS – DESINI – MANCA Pier Mario – CHERCHI Augusto – UNALI – PIZZUTO – LAI – ZEDDA Paolo Flavio – GAIA – PERRA – AGUS – BUSIA sull’adozione di misure urgenti per risolvere i gravi problemi in cui versano i dipendenti dell’AIAS e della Fondazione Randazzo.

IL CONSIGLIO REGIONALE  PREMESSO che:

  • l’Associazione italiana assistenza spastici (AIAS Sardegna) e la Fondazione Stefania Randazzo, riconosciuta quale associazione senza scopo di lucro, si occupa della gestione di circa 50 sedi sanitarie e con oltre 1.200 dipendenti svolge un ruolo socio-assistenziale fondamentale ed indispensabile mediante l’erogazione di servizi di assistenza sanitaria residenziale assistita, di riabilitazione, di assistenza ai malati psichici e portatori di handicap;
  • i servizi erogati ed in generale tutta l’attività svolta dall’AIAS sono interamente gestiti in regime di convenzione con il sistema pubblico;
  • da molto tempo i dipendenti dell’Associazione e della Fondazione percepiscono pagamenti parziali degli stipendi maturati oppure con un notevole ritardo che ha addirittura generato un arretrato di nove mesi;
  • la conseguenza della violazione di questi diritti e i tentativi falliti di mediazione hanno determinato uno scontro tra gli operatori e l’azienda con livelli di tensione altissima per via di provvedimenti disciplinari culminati con licenziamenti da parte dell’Azienda e gravi forme di protesta e di scioperi della fame da parte dei lavoratori;

CONSIDERATO che l’ordinamento riconosce in capo al Governo della Regione il controllo e la vigilanza sull’amministrazione e sulla gestione delle fondazioni;

RITENUTO che l’Amministrazione regionale debba intervenire per riportare la situazione nell’ambito della cornice normativa di riferimento e del rispetto dei diritti e doveri degli operatori che svolgono un ruolo delicato ed insostituibile, che va affermato anche con il riconoscimento economico del servizio prestato,

impegna l’Assessore regionale dell’igiene e sanità e dell’assistenza sociale a riferire se sia a conoscenza dei fatti esposti anche in relazione alla situazione finanziaria dell’AIAS e della Fondazione e quali azioni di competenza intende avviare per risolvere le criticità evidenziate, anche attraverso l’adozione di atti normativi o iniziative che contemperino i diversi interessi meritevoli di tutela.

Cagliari, 5 aprile 2017

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...